giovedì 25 ottobre 2018

TORTA DELLA NONNA

Una bella torta non poteva manare


INGREDIENTI per la frolla 

  • 4 uova (tuorli)
  • 200 g burro morbido
  • 150 g zucchero a velo
  • 400 g farina
  • 1 bustina lievito
  • 1 pizzico di sale
ingredienti per la crema pasticcera

  • 1 lt di latte fresco 
  • 8 tuorli di uova
  • 250 g di zucchero 
  • 1 bustina di vanillina di vaniglia
  • 1/2 scorza di limone
  • 80 g di fartina
INGREDIENTI PER LA COPERTURA
  • 120 G DI PINOLI
  • zucchero a velo vanigliato quanto basta

PROCEDIMENTO
Preparate la pasta frolla seguendo il procedimento indicato ma attenendovi alle dosi di questa ricetta. Una volta pronta la pasta frolla, datele la forma di un panetto basso, avvolgetela nella pellicola trasparente e ponetela in frigorifero per almeno un'ora.
Nel frattempo preparate la crema pasticcera . Una volta pronta la crema pasticcera, lasciatela raffreddare in frigorifero in una teglia bassa coperta da una pellicola che deve rimanere a contatto con la crema, di modo che non si formi una pellicina, estraete dal frigorifero la pasta frolla, prendete dall’intero impasto 2/3 della stessa e stendetela in un disco che possa foderare (coprendo anche i lati) una tortiera del diametro di circa 24-26 cm. Imburrate e infarinate la tortiera, avvolgete il disco di pasta frolla sul mattarello e srotolatelo sulla tortiera, coprendo così fondo e lati,con la punta  di una forchetta bucherellate la superficie della pasta frolla poi versate al suo interno la crema pasticcera lasciando un piccolo rilievo nel centro (in questo modo eviterete che si formi un avvallamento nel centro dopo la cottura).
Stendete quindi la restante pasta frolla e ricavate un cerchio della stessa misura del diametro della tortiera, quindi avvolgete anch’esso sul matterello e poi srotolatelo sulla crema chiudendo così la torta.
Bucherellate la superficie della torta, sempre con i rebbi di una forchetta, potete decorare i bordi della torta imprimendo dei segni su tutto il perimetro; questo servirà anche per sigillare gli strati di frolla. 
Spennellate quindi la superficie della torta con del latte, dell'acqua o con un po' di albume. Distribuite i pinoli su tutta la superficie della torta, premendo leggermente con le mani per farli aderire alla pasta frolla, quindi infornate la torta della nonna in forno già caldo a 180° per circa 45-50 minuti.
Trascorso il tempo necessario, estraete la torta dal forno (13) e lasciatela raffreddare; prima di servirla spolverizzate la superficie (14) con abbondante zucchero al velo vanigliato e la vostra torta della nonna sarà pronta per essere gustata (15). Numerose sono le varianti che si possono applicare durante la preparazione della torta della nonna, che per esempio, può essere farcita con una crema al cioccolato, oppure può essere infornata senza la copertura di pasta frolla; i pinoli possono essere distribuiti non solo in superficie ma anche parzialmente mischiati al ripieno di crema.



La crema deliziosa e bella compatta e cremosa
























PRANZO DI OGGI

Spaghetti ai crostacei profumati al Mojito

INGREDIENTI:


INGREDIENTI 

  • 1 costola di sedano
  • 2 carote
  • 2 scalogni
  • 2 bicchieri di rum
  • 15 code di gamberi argentini e 10 scampi
  • 350 gr di spaghetti
  • una noce di burro
  • olio d’oliva qb
  • sale qb 1
  • scorza di lime
  • menta

PREPARAZIONE:



Privare i gamberi della testa e del carapace
Far rosolare le teste e i carapaci con un filo d’olio, il sedano, la carota e la cipolla a pezzi
Sfumare con metà del rum  
Coprire con acqua e far bollire per 40 minuti.
Togliere ai gamberi l’intestino.

Metterli in una padella con olio, aglio, menta

farli soffriggere brevemente e sfumare con poco rum

Tritare una parte dei gamberi con 3 cucchiai del brodetto 

precedentemente filtrato

Cuocere gli spaghetti con il brodetto dei gamberi filtrato

I carapaci e le teste

vanno ben schiacciate contro un colino, in modo da “rubare” 

tutto il gusto dei gamberi

Dopo circa 7 minuti ’, salare

aggiungere i gamberi , la scorza di 1 lime, foglioline di menta

spezzate a mano, pepare e terminare la cottura

mantecare con poco burro

Impiattare e disporre i gamberi sul piatto, insieme a una

 fogliolina di menta e fette di lime. 

mercoledì 1 giugno 2016

BRODETTO DI PESCE FAI DA ME

Brodetto di pesce alla Pescarese


INGREDIENTI

  • 2 kg e mezzo o piu di pesce misto
  • coda di rospo
  • scorfano
  • triglie
  • polipetto
  • granchio
  • seppiolina
  • merluzzo
  • cozze
  • vongole
  • aragostine
  • gamberoni
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • 1 bicchiere di aceto di vino bianco
  • pomodorini 2 kg
  • mezza passata vellutata di pomodoro
  • sale q.b.
  • 1 peperone semidolce
  • peperoncino fresco (scelta di piccantezza a vostra scelta)
  • olio d'oliva
  • 1 cipolla
  • 1 aglio
  • prezzemolo  un mazzo 

PREPARAZIONE

naturalmente se non vi siete fatti pulire i pesci dal pescivendolo a casa armatevi di  pazienza e mettere a spurgare  le vongole in una ciotola di acqua fredda, pulire le vongole sotto acqua corrente togliendo le impurita e tirando via il filamento che fuoriesce dalla cozza, pulire le interiora degli altri pesci , pinne e squame e lavarli bene almeno 4 volte.
scaldare un bel tegame capiente antiaderente mettere olio d'oliva e fate rosolare la cipolla fatta a piccoli pezzi ,peperone a pezzettini con  aglio schiacciato per farlo dorare e un po di peperoncino fresco a pezzettini . lasciare cuocere dolcemente e aggiungere un bicchiere d-aceto di vino bianco e un po d'acqua.
quando si ritira il liquido aggiungere i pomodorini ben lavati in precedenza con i polipetti , seppioline , scorfano e salate a quantita giusta , passati 15 minuti aggiungere granchio aragostine gamberoni cozze , vongole dopo altri 15 minuti aggiungere la coda di rospo e il merluzzo  aggiunti finalemnte tutti i pesci , sfumare con un bicchiere di vino bianco secco . prima che si ritiri aggiungere la passata vellutata di pomodoro e ora lasciate cuocere a fuoco basso per circa 35 minuti tenendo sotto controllo  che il sugo si ritiri al punto giusto 5 minuti prima della fine di cottura tritare il ciuffo di prezzemolo e spolverarlo sopra e lasciare a meta coperchio alzato e poi spegnere il fuoco


PRIMO PIATTO


SECONDO PIATTO ...E COSI VIA......

Afficher l'image d'origine


per un buon piatto di brodetto di pesce non c'e mai 
stagione.......

martedì 31 maggio 2016

SPAGHETTI AGLIO OLIO CON CREMA DI CAVOLFIORE E PANE ALL'ACCIUGA





SPAGHETTI AGLIO OLIO CON CREMA DI CAVOLFIORE E PANE ALL'ACCIUGA


INGREDIENTI

  • 250 gr di pane in cassetta senza crosta
  • 15 filetti di acciughe sott'olio
  • 1 cavolfiore
  • acqua q.b.
  • sale
  • olio evo
  • aglio
  • peperoncino
  • spaghetti

PREPARAZIONE


  1. PER IL PANE ALL'ACCIUGA

  • frullare il pane in cassetta 
  • in una pentola mettere a scaldare un filo d'olio evo , aggiungere i filetti di acciuga e farli sciogliere 
  • unire il pane in cassetta prededentemente frullato e lasciare insaporire, far attenzione che il pane non risulti molle ma deve rimanere croccante.

  1. PER LA CREMA DI CAVOLFIORI
  • in una pentola far bollire abbondante acqua salata e cuocervi il cavolfiore precedentemente tagliato in piccoli pezzi
  • a fine cottura scolarlo e trasferirlo nella pentola dove e stato preparato il pane all'acciuga
  • condirlo con sale e olio d'oliva e infineaggiungere il latte e poi passare tutto in frullatore.
  • controllare che la purea non sia troppo densa ma rimanga bella cremosa, in caso contrario aggiustare con un po d'acqua .
  • aggiustare di sale e condire con olio d'oliva
Afficher l'image d'origineAfficher l'image d'origine

  1. PER GLI SPAGHETTI 
  • cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata 
  • intanto fare un soffritto con olio aglio e peperoncino
  • unirvi gli spaghetti cotti al dente  e lasciare insaporire, a sua volta aggiungere prezzemolo tritato  e un filo di acqua di cottura
  • porre in una fondina la crema di cavolfiore unire gli spaghetti e ricoprire con il pane all'acciunga.
Afficher l'image d'origine

lunedì 8 febbraio 2016

L' uovo alla romana

L' UOVO ALLA ROMANA
Oggi sono qui perchè volevo condividere con voi una piatto che ho preparato ieri a pranzo....dopo che mia cugina si è presentata all'ultimo  minuto a casa senza avvisare e non sapendo che cucinare mi è venuto in mente di usare come ingredienti principale le uova, per mia fortuna ho delle oche e delle papere che mi fanno uova belle fresche ogni giorno......che sono più grandi delle uova di galline e più buone secondo me.
Molti dicono che questa ricetta  sia di origine di romana ma chissà....


INGREDIENTI

  • 6 uova di oca 
  • besciamella densa
  • farina
  • uova 
  • pangrattato
  • sale
  • pepe
  • noce moscata
  • olio per friggere

Per la panatura


  •  farina 
  • 1 uovo
  • pangrattato
Per la besciamella
  • 300 ml di latte
  • 1 noce di burro
  • 2 cucchiai di farina
  • un pizzico di noce moscata
  • 1 cucchiaio un di parmiggiano grattuggiato
  • 1 pizzico di sale
  • 1 pizzico di pepe


PROCEDIMENTO 

Per prima cosa mettere a bollire le uova sul fuoco per il tempo che si prepara la besciamella  e poi cotte lasciarle raffreddare per bene in acqua fredda affinché la buccia si tolga facilmente.

Per preparare la besciamella

  • mettere in un pentolino una noce di burro e farla sciogliere a fuoco medio, poi toglierlo dal fuoco e aggiungere la farina, mescolare bene fino ad ottenere una pasta morbida e priva di grumi .
  • aggiungere lentamente , il latte freddo e amalgamare bene la pasta di farina e burro , sciogliendola a poco a poco nel latte.

  • Dopo aver versato tutto il latte,. rimettere il pentolino sul fuoco basso e fatelo cuocere sempre mescolando fino a che raggiunge una consistenza bella densa e ci vorranno circa 15 minuti .
  • alla fine aggiungere sale, pepe,. parmigiano e noce moscata .

  • Una volta raffreddate e sbucciate le uova divideteli a metà in senso di lunghezza ,
  • togliere i tuorli e metterli in una ciotola per poi schiacciarli con una forchetta e aggiunge a poco a poco la besciamella, l'impasto deve essere bello sodo.

  • Con un cucchiai riempire delicatamente l interno del uovo creando la forma dell'uovo sodo intero.
  • Dopo  aver riempito tutte le mezze uova , passarle a una a una prima nella farina, poi nell'uovo  sbattuto e infine nel pangrattato .
  • nel frattempo scaldare l'olio per bene un una pentola a bordo alto olio abbondante che possa ricoprire per bene le uova affinché si cuociano tutte uniformemente.
Quando sono belle dorate metterle a scolare su un foglio di carta assorbente prima di servirle a tavola.
Ed eccole qui ...buone anzi buonissime...noi le abbiamo accompagnate con un po di insalata, zucchine grigliate 


venerdì 5 febbraio 2016


Ciambelle al limoncello glassate al cioccolato bianco e nocciole


Ingredienti:


  • 2 uova
  • 140 gr di zucchero
  • 200 gr di fecola di patate
  • 1 bicchierino di limoncello
  • 1/2 bicchierino di acqua circa
  • 1 bicchierino di olio di semi
  • 1/3 di una bustina di lievito vanigliato
  • 40-50 gr di cioccolato bianco con le nocciole
  • 1/2 bicchiere di latte o panna


Procedimento:


  • Montare le uova con lo zucchero














  • dopo di che aggiungere  prima la farina con il lievito e poi il resto degli ingredienti, quindi amalgamare bene e velocemente
  • Preriscaldare il forno a 180°
  •  versare il composto negli appositi stampini ed infornare per 20 minuti circa

  •  quando vedete che si colorano spegnare il forno e lasciarle raffreddare per una decina di minuti all'interno
  •  Sciogliere il cioccolato bagno maria con latte o panna le nocciole riducetele a granella

  • Quando il cioccolato è sciolto completamente versatelo sulle ciambelline e decorate con la granella, lasciate freddare il tutto e poi servite.


E oggi con vi condivido una bellissima canzone de la India una cantante 
Linda Viera Caballero, conosciuta come La India o La Princesa de la Salsa(Río Piedras9 marzo 1969), è una cantante di salsa portoricananaturalizzata statunitense.

Linda nacque nel 1969 a Río Piedras, una circoscrizione di San Juan. I suoi genitori decisero di trasferire la famiglia da Porto Rico a New York poco dopo la sua nascita.
Nel 1985, all'età di quattordici anni, entrò a far parte della gruppo di Latin Hip Hop TKA, che ebbe successo con il brano I Can't Get No Sleep.
Un giorno Eddie Palmieri, uno dei più grandi pianisti di musica latina, la udì cantare in studio di registrazione. Nel 1992Palmieri produsse il primo album di salsa in spagnolo di La India, Llego La India via Eddie Palmieri, per l'etichetta Acid Jazz Records[1], giudicato il miglior disco di salsa dell'anno. Nel 1994 La India e Palmieri registrarono Yemaya y Ochun, dedicato alla santeria. Il disco seguente, Dicen Que Soy, fu un grande successo.
Nel 1996 La India collaborò con Tito Puente alla produzione di Jazzin che conteneva la trasposizione in inglese di alcuni classici swing in spagnolo.
Ha cantato Voces Unidas in duetto con Marc Anthony e dato alle stampe India: Mega Mix.
Un duetto importante fu quello de La Voz de la Experiencia, cantata con Celia Cruz, conosciuta come "La Regina della Salsa". Fu proprio questa ad acclamarla "La Principessa della Salsa". Celia Cruz è anche la sua madrina di battesimo.
Del 1997 è il disco Sobre el Fuego, in collaborazione con il cantante di salsa portoricana Kevin Ceballo.
Dalla fine degli anni 90 collabora anche con i Masters at Work creando uno dei progetti house più famosi e di successo.
Nel 2010 esegue una cover, di un brano originale, scritto in lingua italiana da Federica Camba, nota autrice Italiana, per l'interprete Alessandra AmorosoEstúpida.[2]

Discografia

  • Breaking Night 1990
  • Llego La India (Via Eddie Palmieri) 1992
  • Dicen Que Soy 1994
  • Jazzin 1996
  • Mega Mix 1996
  • Sobre el Fuego 1997
  • Sola 1999
  • Breaking Night [Bonus Tracks] 2000
  • The Best... 2001
  • Edicion Limitada 2002
  • Latin Songbird: Mi Alma y Corazon 2002
  • Serie 32 2002
  • Todo Exitos de India y Brenda K. Starr 2002
  • Oro Salsero 2003
  • Soy diferente 2006
  • Unica 2010

TESTO CANZONE


Te pareces tanto a mi 
que no puedes engañarme 
nada ganas con mentir 
mejor dime la verdad 
al fin ya se que tu me vas a abandonar 
y se muy bien por quien lo haces 
crees que yo no me doy cuenta 
lo que pasa es que no quiero mas problemas con tu amor 

que tu te vas a ir con el 
esta bien 
yo no me opongo 
te deseo que seas feliz 
pero te voy a advertir 
que si vuelves otra ves no no respondo 
crees que no me daba cuenta 
lo que pasa es que no quise mas problemas con tu amor 

yo se de un tonto que te quieres 
y que se enamoro de ti 
y se bien que los dos se entienden 
y que los dos se ríen de mi 
tu crees que yo no me daba cuenta 
pues ya ves que no es así 

hace tiempo que lo se 
y yo jamas te dije nada 
y a pesar de tu traición 
te di la oportunidad de que recapacitaras 
tu crees que yo no me daba cuenta 
lo que pasa es que yo ya no quise mas problemas con tu cochino amor 

y ese tonto que te quiere 
y que se enamoro de ti 
no sabe ni lo que se lleva 
piensa que va a ser feliz 
inocente pobre amigo 
no sabe que va a sufrir 
sobre aviso no hay engaño 
yo se muy bien que ya te vas 
dile a ese que hoy te ama 
que para amarte nada mas 
que para eso a el le falta 
lo que yo tengo de mas 

tu te pareces tanto a mi 
que no puedes 
que no puedes 
engañarme 
tu no puedes 
tu no puedes 
tu no puedes engañarme

giovedì 4 febbraio 2016

Garganelli Prosciutto cotto e philadelphia

Ciao ragazzi è da tanto che non posso ricette per il mio intenso lavoro sia famigliare che lavorativo ma oggi mi è capitato di andare a casa di una mia amica a pranzo , avendo poco tempo ha cucinato un piatto di pasta semplice e veloce ma molto buono .

Garganelli Prosciutto cotto e philadelphia




Ingredienti


  • 250 gr di garganelli
  • 100 gr di prosciutto cotto
  • 200 gr di philadelphia
  • olio evo

  • sale e pepe
  • rosmarino


Procedimento


Cuocere i Garganelli in acqua salata





  • Nel frattempo in una ciotola sbriciolare con le mani il prosciutto cotto ed unire la Philadelphia
  • aggiungere poi un filo di olio, il rosmarino fresco tritato ed un pizzico di sale e pepe
  • Prendere un mestolo di acqua di cottura della pasta, versarlo nella ciotola  e stemperare il tutto con una frusta


  • poi scolare la pasta versarla nel condimento ( se serve aggiungere acqua affinché si faccia un po di sughetto e non sia tutto compatto) e a piacere il parmigiano, amalgamare bene e servire.




mercoledì 1 luglio 2015

PIADINA DI OMELETTE AL PROSCIUTTO

Ora mai siamo in estate e fa veramente caldo e la voglia di cucinare diminuisce sempre id più.... quindi si scelgono elementi  facile e sfiziosi da preparare nel minor tempo possibile .Come le uova , uova sono fonte di proteina  e la sua particolarità è quella di poterla usare in infiniti modi ,dal forno al tegame ectr.Oggi vi propongo un piatto facile e veloce adatto sia a cena che a pranzo soli o in compagnia a seconda di quante persone ci sono gli ingredienti vengono raddoppiati 

INGREDIENTI
  • 1 uovo di gallina
  • 50 g di farina di grano tenero tipo 00
  • 50 ml di latte
  • 100 g di stracchino 
  • 80 g di prosciutto crudo o cotto 
  • 50 g di rucola
  • 10 g di burro
  • Sale
  • pepe nero macinato al momento


PREPARAZIONE

  • Rompere in una ciotola l'uovo e sbatterlo con i denti di una forchetta.
  • Aggiungere la farina setacciata ed amalgamare con una frusta manuale.
  • Aggiungere poco a poco il latte, sempre amalgamando, quindi unire un pizzico di sale.
  • Coprire con la pellicola trasparente e lasciar riposare per 10 minuti a temperatura ambiente.
  • Nel frattempo lavare la rucola, scartare i gambi e tamponarla con carta da cucina.
  • Lavorare lo stracchino con una forchetta fino a renderlo cremoso.
  • Scaldare una padella antiaderente e fondervi il burro.
  • Versarvi la pastella e girare la padella per coprire il fondo in modo uniforme.
  • Cuocere l'omelette su un lato fintanto che non è ben dorata, quindi girarla aiutandosi con una paletta.
  • Mentre cuoce il secondo lato spalmare lo stracchino. Far scivolare l'omelette su un piatto, coprirne metà con le fette di prosciutto crudo, la rucola, quindi piegare a metà e servire immediatamente.
Se volete potere anche arrotolarle come ho fatto io per poi creare delle piccole girelle deliziose.




ed ecco qui la piadina .-)


giovedì 21 agosto 2014

LA CASA E I SUOI ODORI

Uno dei luoghi comuni è quello di attribuire al nostro bagno la principale responsabilità dei cattivi odori che avvertiamo girare per la casa, ignorando però di fatto che tale colpa è da addebitare a tutto un altro ambiente, la cucina, scopriamo come eliminare le principali "puzze" che si generano in questa stanza.

Ecco allora dei  suggerimenti per mantenere la nostra cucina profumata (ed anche più pulita ed igienizzata, elemento che non guasta affatto!)


E partiamo dalla lavastoviglie



un elettrodomestico ormai molto diffuso nelle nostre case, ma spesso utilizzato in maniera errata, sistemando i piatti sporchi prelevandoli direttamente dalla tavola senza soffermarsi a pensare che il filtro della pompa tratterrà tutti i residui più grandi con conseguente produzione di cattivi odori, residui che possono restare anche bloccati tra i ripiani della lavastoviglie stessa.

  • Una buona norma per l'utilizzo della lavastoviglie è quella di passare rapidamente i piatti sotto un getto di acqua corrente per rimuovere la maggior parte dello sporco, lasciando alla lavastoviglie il compito finale di sgrassare e disinfettare pentole e stoviglie
  • Un'altra buona norma è quello di pulire periodicamente con acqua e aceto i ripiani della lavastoviglie o anche di aggiungere mezzo limone al momento del lavaggio

Un altro elettrodomestico che è fonte di cattivi odori è il forno

Quando infatti cuciniamo qualche appetitosa ricetta in forno il calore libera vapori grassi che restano attaccati alle pareti del forno, senza contare il condimento che può fuoriuscire dalla teglia e che costituisce un ottimo spunto per la formazione di cattivi odori.

  • Anche in questo caso acqua ed aceto compiono il miracolo,questa miscela assicurerà una perfetta pulizia delle pareti e del fondo del nostro caro forno
  • se al termine della pulizia avvertirete ancora un cattivo odore, niente paura, basterà posizionare all'interno del forno un bicchiere con una miscela di acqua bollente e succo di limone per veder sparire anche questo residuo
  • Un'azione ancora più efficace è data dal "cuocere" per una mezz'ora una teglia con acqua ed il succo di 3 limoni, profumo assicurato!

Anche il frigorifero costituisce una fonte di cattivi odori, generati da residui di frutta e verdura che restano dimenticati in qualche angolo dei cassetti o da qualche alimento particolarmente "odoroso" che contribuisce al (cattivo) aroma generale del nostro frigorifero

La ormai solita miscela di acqua e aceto compie il miracolo anche stavolta eliminando radicalmente tutti i cattivi odori, e affinchè il profumo della pulizia effettuata duri a lungo prendete l'abitudine di posizionare in frigo un bicchiere di bicarbonato o qualche fondo di caffè, entrambi noti per l'elevato potere assorbente.

E per la frittura????

  • la prima azione da compiere ovviamente è quella di bloccare la diffusione dell'odore della frittura alla sola cucina, avendo cura di chiudere bene la porta e di aprire la finestra 
  • è possibile ridurre la produzione dell'odore di frittura aggiungendo all'alimento in cottura una buccia di limone o una fettina di mela, sostituendole man mano che si anneriranno
  • E se ci sarà da pulire le piastrelle in cucina, fatelo con acqua calda e bicarbonato, ottimo sgrassante naturale che ridurrà anche l'inquinamento delle acque evitandoci di utilizzare specifici detersivi. 
Tanti sono i metodi e segreti per poter tenere puliti la nostra casa ma queste rimangono per me le migliori

Buona giornata amici :-)

mercoledì 20 agosto 2014

PANE IN CASSETTA FARCITO ALLA RUSSA

Approfitto ancora del bel tempo per proporvi un piatto semplice e veloce da preparare e gustare per qualsiasi evento....:-) 

Ingredienti


  • 1 ciuffo di basilico fresco quanto basta
  • 125 gr caprino
  • 50 gr olive nere snocciolate
  • 50 gr olive verdi snocciolate
  • 1 pane a cassetta
  • 1 dl panna da cucina
  • pepe quanto basta
  • 5 falde di peperoni rossi
  • 5 falde peperoni gialli
  • 2 pomodori maturi
  • 1 ciuffo prezzemolo
  • sale quanto basta
  • 100 gr di sottilette
  • 3 uova
  • 3 cetrioli agrodolci
  • 250 gr di crescenza
  • 1 grosso mazzo di  erba cipollina 

PROCEDIMENTO

mettete le uova in un pentolino coprirle con acqua fredda e farle cuocere per circa 8 minuti dal momento dell'ebollizione



pulisci le erbe aromatiche , lavale e tagliale a dadini



sgocciola i cetriolini dal liquido di conservazione e tagliali a dadini


lava i pomodori , asciugateli bene e poi divideteli a metà ,eliminando i semi e l'acqua di vegetazione e poi tagliarli a dadini
monta la panna ben fredda con la frusta elettrica 
lavora la crescenza con la forchetta, e unisci la panna , cetriolini , pomodori e i peperoni aggiungendo sale  e pepe


a questo punto prendere il pane tagliare la calotta del pane e tienila da parte



svuota l 'interno della mollica, distribuendo le fettine di formaggio sul fondo e sulle pareti del contenitore del pane
versaci dentro metà composto di crescenza e panna e livella con la spatolina
sguscia le uova sode e sistemale allineate al centro del composto 
unisci le olive snocciolate e riversa il restante composto e pareggia la superficie
una volta ricoperto bene la superficie ricoprire con la calotta messa da parte  prima
 Prima di servire Spalma tutta la superficie del pane con il caprino e spolverizza con il trito di erbe
  • Metti il pane in frigo per almeno 2 ore e Disponilo in un piatto da portata e servilo decorato, a piacere, con un ciuffo di basilico



martedì 19 agosto 2014

Insalata gamberetti e zucchine

Un altro antipasto molto sfizioso ....semplice e veloce da preparare


INGREDIENTI  PER 4 PERSONE


  • pomodorini ciliegia, 16
  • gamberi, 12
  • zucchine, 2
  • cipollotti, 4
  • melanzana, 1
  • olio extravergine d´oliva
  • sale q.b.

PREPARAZIONE

LAVATELI E TAGLIATELE LE ZUCCHINE PER IL LUNGO E POI RIDUCETELE A 
PEZZETTI
SBUCCIATE E TAGLIATE A PEZZETTI ANCHE LA MELANZANA 
ELIMINA LA PARTE VERDE DEI CIPOLLOTTI E FATELI A SPICCHI
METTETE IN UNA PADELLA ANTIADERENTE 3 CUCCHIAIATE DI OLIO D'OLIVA E FATELO SCALDARE, FATEVI SALTARE LE VERDURE PREPARATE PER CIRCA 10 MINUTI  E POI UNITE I POMODORINI SOLO NEGLI ULTIMI 2 MINUTI , SALATE E TENETE DA PARTE.
FATE SALTARE I GAMBERI IN UN 'ALTRA PADELLA ANTIADERENTE CON 2 CUCCHIAI D'OLIO .
METTETE IN UN PIATTO UN PO DELLE VERDURE PREPARATE  E APPOGGIATEVI SOPRA I GAMBERI SERVENDOLI SUBITO.

E VOILà...

SORBETTO AL MELONE


Quest'anno il tempo non ci ha regalato una vera e propria estate ma i giorni in cui ne godiamo un buon sorbetto al melone è al cosa giusta che ci vuole ... fresco e adatto all'estate  veloce e facile da preparare,  ottimo dopo pranzo e anche come merenda in un pomeriggio estivo con amici.


ingredienti


  • 1 melone retato a polpa arancione
  • 1 limone
  • 2 cucchiai di miele


PREPARAZIONE

Prendete il melone e tagliatelo in due metà, con l'aiuto di un cucchiaio togliete i semi, svuotate la polpa molta facendo attenzione a tenere sano involucro.
prendete le due metà vuote del melone  e mettetele a sgocciolare su della carta assorbente da cucina
 ( che vi serviranno in seguito).
Tagliate la polpa in pezzi e mettetela in un recipiente insieme al miele e al succo del limone. 
Frullate tutto molto bene. (Se dovesse essere troppo denso, aggiungete dell’acqua).
A questo punto, mettete il composto nella gelatiera e lasciate mantecare per il tempo necessario a far raggiungere la giusta consistenza al sorbetto di melone.
Una volta pronto, prendete una metà vuota del melone e riempitela fino all’orlo con il sorbetto. Coprite con della pellicola alimentare e mettetela nel freezer per almeno un paio d’ore.
Prima di servire, riprendete la metà del melone dal freezer, fatela ammorbidire per 5 minuti, quindi tagliatela a fettine come per servire un melone normale.
Se non avete la gelatiera, versate il composto in uno shaker (o in una bottiglia di plastica) e mettetelo infreezer.
Andate a shackerare il sorbetto ogni ora circa, per evitare che si solidifichi e servite freddo in una coppetta.
Versione più adulta? Aggiungete un bicchierino di vodka al sorbetto!